Investire nello spazio

Quali geografie per l'applicazione?

Per questa applicazione, per ogni territorio eccezionale (una città, un'isola), devono essere rivelate geografie "insolite". Queste geografie costituiscono da sole un intero universo. Dalle rive del Mar Mediterraneo, bene comune universale, alle cime più alte dell'isola, i paesaggi mozzafiato lasciano il segno sul territorio. Le città e la terra producono significato e uniscono tutte le comunità e le generazioni.

Come costruire gli itinerari della Capitale Europea della Cultura in funzione di questo straordinario territorio?

Come si possono definire i territori del progetto tra la costa e l'interno, che sono così strettamente legati nei modi di vita ancestrali dell'isola?

Come integrare la mobilità nell'applicazione: dai trasporti che avvicinano la Corsica alla terraferma alle modalità soft di scoperta con i suoi rinomati sentieri escursionistici?

Come spingere i limiti e proporre di investire in altri territori locali (o meno), casse di risonanza, sotto altri cieli che non siano la Corsica, dell'anno del titolo?

E se queste geografie dovessero rivelare gran parte dell'essenza stessa della Corsica?

Il parti interessate

Moderatore

Sylvia Ghipponi

Architetto, presidente dell'Ordine degli Architetti della Corsica. Con sede a Bastia, è anche socio amministratore di un'agenzia di architettura a Parigi e nella regione Provenza-Alpi-Costa Azzurra. Il suo lavoro si concentra sulla riappropriazione e la trasformazione di edifici esistenti. Laureata alla Scuola di Architettura di Parigi-Val-de-Seine, ha conseguito un DEA in Storia dell'Architettura Moderna e Contemporanea presso l'Università di Parigi 1 Panthéon-Sorbonne e un DU in "Qualità Ambientali dell'Ambiente Costruito nel Mediterraneo" presso l'Università della Corsica. È stata anche insegnante part-time nelle Scuole di Architettura di Parigi e ha lavorato sui set cinematografici. Il suo lavoro si concentra sulla riappropriazione e sulla riabilitazione di edifici esistenti, nonché sulla loro trasformazione attraverso ristrutturazioni, ampliamenti o sopraelevazioni.

Artista

Laetitia Carlotti

Lætitia Carlotti è un'artista e paesaggista. Lavora in Corsica, dove dirige l'associazione arterraÈ ricercatrice nel campo delle arti plastiche e sviluppa progetti di collaborazione a lungo termine che collocano l'arte all'interno delle attività d'uso, esplorando la nozione di hinterland. Come ricercatrice nelle arti plastiche, sviluppa progetti di collaborazione a lungo termine che collocano l'arte all'interno delle attività d'uso, esplorando la nozione di hinterland.